Scegli la tua lingua
Home > > Terza Missione

Terza Missione

Presentazionetorna su

Ogni istituzione accademica si impegna in attività mirate e pianificate aperte e rivolte al territorio in cui si realizza la sua azione. La Comunità accademica, come comunità di persone (docenti, studenti, personale amministrativo e di servizio), è coinvolta in questo processo di interazione con i contesti e i pubblici di riferimento.

Ogni istituzione accademica progetta e realizza attività sociali, culturali ed economiche, che affiancano le missioni tradizionali di insegnamento (“prima missione”, che si basa sulla interazione con gli studenti) e di ricerca (“seconda missione”, in interazione prevalentemente con le comunità scientifiche o dei pari): questo processo di interazione con i contesti e i pubblici di riferimento, è definito in modo generico “Terza Missione”. Si tratta di un concetto introdotto per le Università italiane dall’ANVUR come «apertura verso il contesto socio-economico mediante la valorizzazione delle conoscenze» e con iniziative dal valore socio-culturale ed educativo.

L’Università offre al territorio - locale e globale ciò che è proprio, a partire dalla sua storia e dalla sua configurazione e, a sua volta, riceve dal contesto sociale e culturale idee, esperienze, competenze, interventi e politiche, che incidono e migliorano da un lato il valore e la rilevanza dell’insegnamento, dell’apprendimento e della ricerca istituzionali e dall’altro integrano le competenze accademiche nelle “comunità esterne” a cui si rivolge e con cui interagisce.

La Terza Missione e Facoltàtorna su

Accanto agli obiettivi fondamentali della formazione e della ricerca, la Facoltà sostiene, da sempre, anche una Terza Missione che si realizza in tutte quelle attività e contributi verso l’esterno che cercano di favorire l’applicazione diretta, la valorizzazione e l’impiego della conoscenza, sviluppata dal mondo universitario, per contribuire allo sviluppo sociale, culturale ed economico della società e alla missione evangelizzatrice della Chiesa lasciandosi a sua volta arricchire e formare dal bisogno emergente sul campo.
La Facoltà, attraverso i suoi docenti e studenti, si impegna a comunicare, valorizzare e trasferire le conoscenze, i saperi e le metodologie al territorio, alla società civile e nell’ambito ecclesiale, per promuovere la formazione pedagogica e sostenere la cultura della vita.

In tal modo si qualifica come presenza ecclesiale a “servizio del pensiero” come “pastorale della cultura” e carità intellettuale e si rivela quale “provvidenziale laboratorio culturale della Chiesa in uscita”, in linea con gli orientamenti del magistero di Papa Francesco e dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice. Immette nel territorio locale, nazionale e internazionale, neo-laureati, professionisti nell’ambito dell’educazione, psicologi dell’educazione, insegnanti di religione per le scuole di ogni ordine e grado, operatori nella pastorale, formati a livello dei Corsi di L/LM o altri Corsi di Perfezionamento di I e II livello, di Alta Formazione o di Qualifica.

La Comunità Accademica si specifica come comunità di persone (docenti, studenti, personale amministrativo e di servizio) unite da un progetto condiviso di formazione, studio e ricerca che affonda le radici nell’umanesimo pedagogico cristiano e salesiano di san Giovanni Bosco e santa Maria D. Mazzarello.
Ciascuno è corresponsabile del bene comune e coopera, nell’ambito delle rispettive competenze, al conseguimento dei fini della medesima comunità.

Aree di attivitàtorna su

Le attività considerate come Terza missione si raccolgono attorno a nuclei diversificati ed articolati:

Organizzazione

  • di Convegni e seminari aperti a professionisti e cittadine/i del territorio
  • di Corsi di Perfezionamento universitario, di Qualifica Universitaria, di Alta Formazione, di aggiornamento e di specializzazione in ambito psico-socio-educativo e pastorale

Interventi e relazioni

  • a Convegni o momenti formativi di Congregazioni religiose in diversi ambiti
  • a Corsi formativi intercongregazionali

Supervisione

  • di attività di tirocinio in varie strutture e servizi residenziali e semiresidenziali per diverse tipologie di pubblici
  • di attività di animazione in oratorio e di catechesi parrocchiale e di volontariato

Apertura e disponibilità

  • delle risorse della Biblioteca (specializzata sulla donna) e della Sala Riviste (con più di 500 testate) a studiosi e studenti esterni

Formazione continua e didattica aperta

  • Interventi nelle Scuole di ogni ordine e grado
  • Corsi di aggiornamento online e in presenza
  • Consulenze e partecipazioni a progetti rivolti ai docenti e studenti di varie scuole secondarie di secondo grado italiane

Le reti nazionali ed internazionalitorna su

L’azione della Facoltà si irradia anche sul territorio nazionale e internazionale nell’intento di valorizzare la ricchezza delle sue competenze multidisciplinari e creare sinergia e partnership.

In particolare, la sua attività si articola in

Partecipazione

  • * ad Organizzazioni e Associazioni accademiche di studio e di ricerca nazionali e internazionali relative agli ambiti di ricerca propri della Facoltà
    • FIUC (Federazione Internazionale delle Università Cattoliche)
    • ACISE (Associazione Cattolica Internazionale degli istituti di Scienze dell’Educazione)
    • OIEC (Organizzazione Internazionale dell’Educazione Cattolica)
    • AIDU (Associazione Italiana Docenti Universitari)
    • SIPED (Società Italiana di Pedagogia)
    • ANPE (Associazione Nazionale Pedagogisti Italiani)
    • SCHOLÉ (Pedagogisti di ispirazione cristiana)
    • CIRSE (Centro Italiano per la Ricerca Storico-Educativa)
    • SIRT (Società Italiana per la Ricerca Teologica)
    • ATI (Associazione Teologica Italiana)
    • CATI (Coordinamento Associazioni Teologiche Italiane)
    • APL (Associazione Professori Liturgia)
    • AIPSC (Associazione dei Professori di Storia della Chiesa in Italia)
  • * al Consiglio Direttivo dell’Opera Nazionale della Città dei Ragazzi di Roma

Collaborazione

  • * con i Dicasteri della Santa Sede mediante la prestazione di alcune docenti come consultori/segretari di Dicastero
    • Congregazione per l’Educazione Cattolica
    • Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale
    • Congregazione delle Cause dei santi;
    • Congregazione per l’Evangelizzazione dei popoli;
    • Congregazione per gli Istituti di Vita consacrata e le Società di Vita apostolica)
    • Consiglio Internazionale per la Catechesi
    • Consulta Femminile del Pontificio Consiglio della Cultura
  • *con la Conferenza Episcopale Italiana mediante prestazioni di singole docenti nei settori specifici
    • Ufficio Liturgico Nazionale
    • Ufficio Catechistico Nazionale
    • Comitato scientifico del Centro Studi Scuola
    • Coordinamento Presidi Istituti Superiori di Scienze Religiose Romani
    • Comitato Scientifico e organizzatore delle Settimane Sociali dei - Cattolici italiani
  • * con la Diocesi Suburbicaria di Porto-Santa Rufina (Roma)
    • Responsabilità dell’Ufficio per l’Insegnamento della Religione cattolica nelle Scuole
    • Direzione dell’Ufficio Catechistico diocesano
  • * con le organizzazioni di carattere formativo/educativo dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice:
    • Centro Italiano Opere Femminili Salesiane-Formazione Professionale-Italia;
    • Centro Italiano Opere Femminili Salesiane-Formazione Professionale-Scuola Italia;
    • Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo
    • Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo-Italia, Scuola Salesiana Europa;
    • Commissione Scuola/Formazione professionale Europa SDB-FMA
    • ISS-FMA (Istituti di Studi Superiori dell’Istituto FMA)
    • Associazione Cultori di Storia Salesiana (ACSSA)

Verso il territorio localetorna su

Stipula di

  • Convenzioni con gli enti di Tirocinio
  • Convenzioni con Diocesi e Parrocchie

Gestione e Direzione

  • Scuola per Catechisti e Coordinatori pastorali «Madre Maddalena Morano»
  • Scuola per Animatori del tempo libero
  • Summer Camp per l’inclusione di adolescenti e giovani in contesto di educazione non formale

Il Centro di Orientamento e Consulenzatorna su

FINALITÀ E OBIETTIVI

Il Centro di Orientamento, Consulenza e Formazione Psicologica ed Educativa è un servizio istituito dalla Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione «Auxilium» che opera principalmente in un’ottica preventiva. È a disposizione degli studenti della Facoltà ed è aperto al territorio. Offre un servizio psicologico ed educativo a supporto della crescita dei soggetti in età evolutiva e per il benessere psicologico della persona, in particolare delle donne e delle famiglie.

Persegue i seguenti obiettivi:
  • Prevenire il disagio psicologico e sociale
  • Offrire un sostegno psicologico alla persona e un sostegno educativo alla famiglia
  • Promuovere le risorse personali e relazionali per affrontare situazioni temporanee di difficoltà o di disagio psicologico ed emotivo
  • Sostenere le risorse delle istituzioni educative e formative.

ATTIVITÀ E DESTINATARI

L’attività del Centro si articola nei seguenti servizi:

  • Orientamento
  • Consulenza psicologica ed educativa
  • Formazione
  • Si rivolge in particolare a:

    • Studenti iscritti alla Facoltà di Scienze dell’Educazione «Auxilium»
    • Soggetti in età evolutiva e adulti
    • Genitori (per percorsi di formazione)
    • Istituti scolastici (interventi di orientamento, di prevenzione e gestione di alcuni comportamenti, percorsi di formazione degli insegnanti.
    • CONTATTI

      Centro di Orientamento Consulenza e Formazione psicologica ed educativa
      Via Cremolino, 141
      00166 Roma (RM)
      Tel. 06.615720500
      centro.ocf@pfse-auxilium.org