Scienze dell'Educazione, Scienze Pedagogiche, Educatore Professionale socio-pedagogico, Laurea Magistrale, Psicologia dello Sviluppo, Pastorale Giovanile, Scienze Religiose ISSR, Insegnare Religione,

Sai quali sono le pagine più ricercate nel nostro sito?

ENGITA
Home > Archivio Notizie > La memoria come seme di futuro

La memoria come seme di futurotorna su

Il tema della giornata di studio, che la Facoltà «Auxilium» ha organizzato per domenica 17 ottobre 2021, e rivolta alle Capitolari presenti a Roma per il Capitolo Generale XXIV dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, è quanto mai suggestivo: «La memoria come seme di futuro. A 150 anni dalla fondazione dell’Istituto delle FMA».

L’incontro è coordinato dalla Preside, prof.ssa Piera Ruffinatto, e dalle prof.sse Grazia Loparco, docente di Storia della Chiesa, Maria Teresa Spiga, docente di Sociologia generale, e Linda Pocher, docente di Mariologia.

La giornata prevede nella mattinata alcune relazioni concernenti l’identità e l’operato delle FMA e nel pomeriggio una tavola rotonda a cinque voci, che approfondiranno alcuni vissuti del sistema preventivo.

Il tutto prende avvio dai dati statistici sulle cifre totali delle FMA, delle case e delle opere in 150 anni, che delineano una presenza educativa dinamica nei diversi contesti, provata dalla varietà delle attività. Approfondendo il carisma salesiano delle FMA ci si soffermerà su due aspetti-chiave: la filialità mariana e la preventività educativa.

Soprattutto oggi, la missione delle Figlie di Maria Ausiliatrice è messa alla prova dai cambiamenti intervenuti con la pandemia Covid-19 e dalle interpellanze educative che essa pone a religiose, eredi dello spirito e dello stile educativo di san Giovanni Bosco: «Prevenire nell’inedito e nell’incertezza, per camminare con i giovani e le giovani, è compito ancora più impegnativo - precisa la prof.ssa Loparco -. È necessario ripensare ai cambi di mentalità indispensabili per ricomprendere il senso del nostro linguaggio messo alla prova dal pluralismo culturale, e alla qualità del nostro operare nelle attività quotidiane, che assorbono le energie, ma non è detto che siano impiegate al meglio per quanto è richiesto oggi; riflettere sulle nostre chiavi interpretative della realtà e della nostra missione, volendo continuare a dare un apporto significativo all’educazione delle nuove generazioni nello spirito del Patto educativo globale e della “casa comune”».

 

La giornata di studio è l’occasione per dare ufficialmente appuntamento al Convegno internazionale previsto a Roma, dal 25 al 30 settembre 2022, dal titolo: «Apporto delle Figlie di Maria Ausiliatrice all’educazione (1872-2022): percorsi, sfide e prospettive».

Organizzato dalla Facoltà, il Convegno si realizza nel 150° anniversario della fondazione dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice. La riflessione, a partire da dati storici fa il punto su alcuni aspetti dell’apporto delle religiose salesiane all’educazione nei cinque continenti, individua percorsi diacronici e sincronici, ricavando da essi elementi di riflessione critica; stimola il confronto con le sfide del presente per rilanciare la missione educativa delle FMA nell’oggi e nel domani.

 

Programma

L'educazione dell'uomo è un risveglio umano

Jacques Maritain