Scienze dell'Educazione, Scienze Pedagogiche, Educatore Professionale socio-pedagogico, Laurea Magistrale, Psicologia dello Sviluppo, Pastorale Giovanile, Scienze Religiose ISSR, Insegnare Religione,

Sai quali sono le pagine più ricercate nel nostro sito?

ENGITA
Home > Elenco attività formative > Laboratorio di animazione teatrale

Laboratorio di animazione teatrale

Programmatorna su

Codice: 00123

Docente: Oriana Fiumicino    

Anno: 2018-2019

Semestre: 2

Orario: Giovedì 15.00-18.00

Sede: via Cremolino, 141


Obiettivi:

L'uso pedagogico del teatro deve avvalersi della stessa tecnica dell'attore e seguire un percorso di lavoro che, fase dopo fase, conduca all'acquisizione degli elementi base della sua arte. Si tratta di insegnare l'anima del teatro fornendo appunto la sua "grammatica", e attraverso questa di conservare, di esaltare e di recuperare capacità già presenti in ogni persona: La capacità di sentirsi, di ricordare, di immaginare, di porsi in rapporto con l'altro da sé, di "mettersi nei panni di" e di "fare come se", quindi di essere se stessi e di capire gli altri.

Argomenti:

  • Lo spazio: è l'elemento base dell'azione teatrale: acquisirne il senso e sapervisi muovere sono degli obiettivi primari. Lo scopo degli esercizi proposti è, quindi, l'appropriazione dello spazio, di tutto lo spazio che è stato scelto come scena.
  • La percezione sensoriale: gli esercizi proposti intendono principalmente attivare la sensorialità e la corporeità; quindi la percezione di sé e, attraverso questa, la coscienza di sé.
  • La gestualità: si approfondisce la conoscenza delle possibilità espressive del corpo: gli allievi diventano più; consapevoli della forza comunicata dai gesti; sono indotti a riflettere sulla correlazione fra movimenti ed emozione.
  • L'improvvisazione teatrale: è una palestra indispensabile, un metodo di studio e di creazione fondamentale per gli allievi. Improvvisare ci permette di creare dal nulla una situazione di rapporto, un gesto, un'azione, che sono figli di una sensazione o di una particolare emozione.
  • Andare in scena: cioè offrire al pubblico il frutto del proprio lavoro, significa verificare le capacità e le competenze acquisite, individualmente e con il gruppo, ed è in fondo l'unico modo per dare forma alla creazione teatrale. Lo spettacolo finale è sempre un momento altamente gratificante per gli allievi e la gratificazione nel processo educativo e didattico conta moltissimo.

Modalità di svolgimento:


L'educazione dell'uomo è un risveglio umano

Jacques Maritain