Scienze dell'Educazione, Scienze Pedagogiche, Educatore Professionale socio-pedagogico, Laurea Magistrale, Psicologia dello Sviluppo, Pastorale Giovanile, Scienze Religiose ISSR, Insegnare Religione,

Sai quali sono le pagine più ricercate nel nostro sito?

ENGITA
Home > Facoltà > Normativa

Normativa

Presentazionetorna su

La Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione «Auxilium», in quanto Facoltà ecclesiastica, si regge secondo le norme stabilite nella Costituzione apostolica Sapientia Christiana.
Allo stesso tempo, come ogni istituzione universitaria, si dà norme proprie che sono un’espressione della sua autonomia e determinano la vita della Facoltà.
Si tratta prima di tutto degli Statuti, nei quali sono contenute le norme fondamentali e più stabili, e che devono essere approvati dalla Santa Sede. Le norme degli Statuti sono specificate nei Regolamenti, che contengono ciò che è più particolare e mutevole.
Il corpus normativo è ulteriormente completato da altre norme settoriali, sussidiarie agli Statuti e ai Regolamenti.

Statutitorna su

Gli Statuti sono il codice fondamentale della Facoltà e contengono le norme principali per il suo funzionamento: organizzazione, governo, diritti e doveri dei membri della comunità accademica, ordinamento degli studi, amministrazione ecc.

Gli Statuti della Facoltà, rinnovati secondo le disposizioni della Costituzione Apostolica Sapientia Christiana e le corrispondenti Norme applicative emanate dalla Congregazione per l'Educazione Cattolica, sono stati approvati in via definitiva dalla stessa Congregazione il 18 ottobre 1986 (Decreto Prot. N. 827/79/7).

Negli anni, la Facoltà, sollecitata dagli ulteriori sviluppi delle scienze dell'educazione, dalla situazione di cambiamento e di riforma che ha investito le istituzioni universitarie, anche in ambito ecclesiastico, dalla necessità di un costante adattamento dell'offerta formativa e didattica alle nuove esigenze dettate dall'evolvere del contesto socioculturale ha ulteriormente rivisto i curriculi di studio e ha modificato i corrispondenti articoli degli Statuti (1999, 2005).
L'ultima revisione è stata approvata dalla Congregazione per l'Educazione Cattolica con Decreto del 4 luglio 2013 (Prot. N. 827/79) ed è stata promulgata dal Gran Cancelliere, don Pascual Chávez Villanueva, il 15 agosto 2013.

Statuti della Facoltà

Regolamentitorna su

I Regolamenti esplicitano le disposizioni degli Statuti.
Sono stati elaborati dal Consiglio Accademico della Facoltà e sono stati ratificati e promulgati dalla Vice Gran Cancelliere in data 7 ottobre 2015.


Regolamenti della Facoltà

Allegati

Regolamenti settorialitorna su

Regolamenti di Tirocinio dei Corsi di Laurea e Laurea Magistrale

Codice etico

Il Codice etico, richiamato nell’art. 20 § 6 degli Statuti, presenta i principi generali di comportamento della comunità accademica che garantiscono un adeguato svolgimento della missione educativa e scientifica della Facoltà.
Il presente Codice, che si applica al personale docente, al personale tecnico-amministrativo, ai collaboratori, continuativi ed occasionali, e agli studenti, in corso e fuori corso, richiama alla loro responsabilità e collaborazione nello svolgimento dei loro doveri e nell’esercizio dei loro diritti.

Codice etico della Facoltà

Norme sul plagiotorna su

Il plagio è l’«appropriazione, totale o parziale, di lavoro altrui, letterario, artistico e simile, che si voglia spacciare per proprio» e costituisce una mancanza contro la giustizia e la verità, una pratica disonesta che viola le norme etiche fondamentali della vita universitaria.
La Facoltà ha precisato alcune Norme sul Plagio. In caso di scoperta di plagio compiuto dallo Studente, la Facoltà prevede l'applicazione delle sanzioni.

Norme sul plagio

Norme per gli esami di profittotorna su

Gli esami di profitto si riferiscono a tutti gli insegnamenti/laboratori/seminari richiesti dai diversi Corsi di studio ordinati al conseguimento dei titoli accademici (Laurea o Laurea Magistrale).
Gli esami di profitto vertono sull'intero programma dell'insegnamento/laboratorio/seminario frequentato.

La lingua ordinariamente usata negli esami è l'italiano.

Norme per gli esami di profitto

Norme per gli esami di gradotorna su

Ogni Studente del Primo Ciclo (Baccalaureato/Laurea) o del Secondo Ciclo (Licenza/Laurea Magistrale) è tenuto a elaborare e discutere, rispettivamente, una Prova Finale o una Tesi che dimostri le sue capacità di ricerca conforme alle caratteristiche di qualità scientifica richieste.

Norme per gli esami di Laurea/Laurea Magistrale

L'educazione dell'uomo è un risveglio umano

Jacques Maritain